Home / IN EVIDENZA / I miei primi 3 mesi di gravidanza tra nuove scoperte e ormoni impazziti

I miei primi 3 mesi di gravidanza tra nuove scoperte e ormoni impazziti

Gravidanza: il mio primo trimestre.
Gravidanza: racconto del mio primo trimestre.

Non sapevo davvero come intitolare questo articolo sul mio primo trimestre di gravidanza poi ho pensato a ciò che lo ha caratterizzato e la prima cosa che mi è venuta in mente è che io non sapevo niente di questo periodo della vita così importante per una donna. Sì, ok, le solite cose. La mia conoscenza si limitava alle classiche nausee mattutine, alle richieste di cibi assurdi alle 3 di notte con mariti che partono alla ricerca senza protestare e…basta. Sì, direi basta se escludiamo i vari mal di testa, mal di schiena, mal di gambe, ingrassare, ormoni un po’ instabili. Ciò che non avevo considerato è che dietro tutto questo c’è la realtà.

Ma partiamo da principio, da quando ho visto quelle due linee sul test di gravidanza e mi sono sentita invadere da un’emozione che non avevo mai provato in vita mia. Stupore. Euforia. Paura. Gioia. Eccitazione. In un unico “boom!” dritto al cuore. Una leggere nausea e la mia convinzione che, se la nausea era quella non me ne sarei neanche accorta. E invece me ne sono accorta poco dopo quando ho iniziato ad avere un mal di stomaco che sembrava la gastrite più potente del mondo.

E’ stata davvero dura, nonostante la grande gioia, affrontare questo primo periodo. Sopratutto da un punto di vista alimentare. Nonostante la crema di riso integrale consigliata dal dott. Berrrino, nonostante il kuzu, l’umeboshi e tutto ciò che consiglia la macrobiotica. Ho cercato di stare meglio così ma poi ho capito. Ho capito che non sarebbe passata in nessun modo se non fisiologicamente, quando era il momento. La rassegnazione ha aiutato. Ora rido mentre lo scrivo ma credetemi, ho pianto tanto. E ve lo dico perché mi sentivo l’unica donna incinta triste e sfiancata dalla sofferenza. Ma non lo ero. E non lo siete neanche voi se in questo momento state leggendo questo articolo e siete nei 3 mesi più devastanti della vostra vita.

Nei primi mesi ho mangiato (escluso il periodo macrobiotico): cracker di soia, cracker integrali, cracker salati, grissini, melone, anguria, pesche, pizza marinara, toast al formaggio, gallette di riso al sesamo con avocado e succo di limone. Molto raramente pasta integrale al pesto. Ogni tanto qualche granita maracuja e mandorla, verso la fine del terzo mese mi sono dovuta votare alla coca-cola (che per me è l’equivalente del male!) perché era una delle poche cose che mi toglieva la nausea.

Se ci penso mi sento male. Che alimentazione terribile! Ma niente da fare, mangiavo pochissimo e in modo casuale. Non riuscivo proprio a mangiare diversamente. L’entrata del quarto mese ha iniziato a darmi un leggero beneficio…piano piano…un giorno dopo l’altro stavo sempre meglio. Una gioia indescrivibile.

Ho ricominciato a sorridere, a pensare solo a quanto sono felice di aspettare….la mia bambina! Una femmina! Lo abbiamo scoperto al Bi-test ed è stato bellissimo. Uno dei momenti più intensi di tutta la mia vita!

La mia produttività per il sito è stata piuttosto scarsa. Non riuscivo nemmeno a immaginare di alzarmi e mettermi ai fornelli. Adesso che ho ricominciato a cucinare mi sento una persona diversa. E ho iniziato a studiare l’alimentazione in gravidanza, allattamento e svezzamento. Insomma…ci saranno nuovi argomenti di cui parlare adesso su cucinasamantha.it

Un abbraccio a tutti voi da me e dalla mia bambina!

About Samantha

Samantha
Samantha Alborno -------------------------------------------------------------------------------------------------- Samantha si appassiona alla cucina naturale e conduce due programmi di ricette: "In cucina con Samantha" per Telegenova e "Naturalmente...in cucina" sulla Web Tv di Donna Moderna. Organizza corsi di cucina, consulenze per la ristorazione e piccoli eventi.

Check Also

Sformato di zucca e cous cous

Dicembre 2016 – Questa ricetta nasce con due obiettivi diversi: il primo è quello di …