Home / IN EVIDENZA / Parpaja sartoria creativa: di necessità, (fantasiosa) virtù

Parpaja sartoria creativa: di necessità, (fantasiosa) virtù

parpaja-intervistaLaurea in Economia, creatività, sorriso solare e tanta gioia di vivere: questo e molto altro è Elisa Morel, in arte Parpaja (“farfalla” in lingua occitana) che, durante un’insolita intervista sotto ai primi tiepidi raggi del sole di fine marzo, mi ha raccontato la sua interessante storia imprenditoriale tutta “green”.

In esclusiva per Laboratorioveg.

Un percorso comune a tanti: iter accademico impeccabile, numerose esperienze lavorative con contratti poco stabili e la voglia di “mollare tutto” per cambiare vita. Anziché fuggire all’estero però, grazie anche alla sua inesauribile inventiva, Elisa è riuscita a fare della sua passione un mestiere, proprio qui in Italia, precisamente a Genova, nel quartiere di Sestri Ponente.

+ variopinta originalità – impersonale tecnica = il laboratorio sartoriale Parpaja

Un’equazione per descrivere la singolare sartoria creativa, dove borse, accessori e abiti sono realizzati a mano artigianalmente in pezzi unici o a tiratura limitata, tutti creati con impeccabile cura dei dettagli.

Refashion: quando l’eco diventa chic

Elisa non è una sarta di professione, ma ha deciso di dedicarsi al refashion, mettendo a disposizione tutta la sua fantasia e creatività per ridare nuova vita ai capi passati di moda o da rinfrescare un po’.

Il risultato? Divertente e terapeutico! Le clienti tornano a casa soddisfatte, sapendo di aver speso molto meno rispetto a un classico pomeriggio di shopping e consapevoli di aver rinnovato i propri abiti preferiti.

No allo spreco: un’idea controcorrente nel settore della moda

La sfida di Elisa consiste anche nell’avere un occhio di riguardo per il riciclo delle risorse. Attraverso l’impiego di stoffe, spesso destinate al macero in quanto rimanenze delle stagioni precedenti delle grandi aziende di moda, Elisa fa sì che questi materiali rinascano letteralmente, reinterpretati e cuciti insieme con gusto e fantasia.

“Sai, io riutilizzo tutto!”, mi dice con orgoglio. “Ho fatto miei tutti i principi dell’ecofashion: per questo ogni scarto delle mie lavorazioni, anche il più piccolo, viene impiegato per realizzare altre creazioni come complementi d’arredo, decorazioni, spille o bijoux”.

Un’arte alla portata di tutti

Dopo una rubrica su LottomaticaTv nel 2013, la nostra Parpaja tiene anche dei corsi di refashion, presso Manifattura Etica, il primo emporio genovese (sempre a Sestri Ponente) di prodotti locali, ecologici e solidali.

Il motto di Elisa è: “Tutti possono farlo!”. E con poca spesa, aggiungo io. Specialmente in questi tempi di crisi, in cui si ha necessità di comprimere i costi, l’apprendimento di tecniche per il rinnovo del proprio guardaroba si trasforma in una vera e propria arte di sopravvivenza… ma con stile.

Se vi è venuta voglia di curiosare tra le “farfalle” e le briose idee del suo laboratorio, contattatela su Facebook oppure telefonicamente al numero: 347 4457150.

Riceve in Via Monterotondo 2/4 a Sestri Ponente, solo su appuntamento.

 

About Valentina D'Amora

Check Also

Polpette broccolose

Evviva! Una nuova ricetta finalmente! Scusate se ci ho messo tanto ma è stato un …