Home / IN EVIDENZA / Polenta con cavolo nero e carote

Polenta con cavolo nero e carote

Polenta con cavolo nero e carote.
Polenta con cavolo nero e carote.

Mi sembra strano di aver abbandonato questo sito, fonte di gioia immensa e di grande soddisfazione per me. Quando lo guardo e lo vedo così “fermo” mi viene il magone. Ho avuto due anni davvero intensi. Abbiamo acquistato una casa nell’entroterra ligure, precisamente ad Alpicella, nel Geoparco Unesco del Beigua, e l’abbiamo ristrutturata per viverci e per creare il nostro b&b. Abbiamo cresciuto Giulia. Abbiamo fatto così tanto che non ho avuto tempo e voglia di dedicarmi alla cucina. Voglio provare a ricominciare. Piano Piano. Dandomi qualche obiettivo. E allora ecco una ricetta semplicissima. Vi abbraccio.

Lista della spesa (per 4 persone): 6 carote, 1 mazzetto di cavolo nero, 1 cipolla o porro, 4-5 cucchiai di passata di pomodoro, 1 spicchio d’aglio, olio evo, sale, farina di mais per polenta o polenta istantanea.

Tagliare a rondelle le carote e a striscioline il cavolo nero. Rosolare la cipolla in qualche cucchiaio di olio evo, e dopo poco aggiungere le carote e il cavolo nero. Far cuocere a fuoco medio alto per 5 minuti, rigirandolo spesso e aggiungendo un filo d’acqua se necessario. Abbassare la fiamma, salare a piacere e aggiungere la passata di pomodoro e un pochino di acqua (o brodo, se lo avete). Cuocere con il coperchio per circa 30 minuti o comunque fino a quando le carote non saranno morbide, aggiungendo acqua (o brodo) se necessario. Servire con la polenta calda.

About Samantha

Samantha
Samantha Alborno -------------------------------------------------------------------------------------------------- Samantha si appassiona alla cucina naturale e conduce due programmi di ricette: "In cucina con Samantha" per Telegenova e "Naturalmente...in cucina" sulla Web Tv di Donna Moderna. Organizza corsi di cucina, consulenze per la ristorazione e piccoli eventi.

Check Also

Sformato di zucca e cous cous

Dicembre 2016 – Questa ricetta nasce con due obiettivi diversi: il primo è quello di …