Home / IN EVIDENZA / Vegburger di cavolo romanesco, orzo e porri

Vegburger di cavolo romanesco, orzo e porri

vegburger cavolo romanesco porri e orzo

Questa ricetta, partecipa al contest “Dall’inverno alla primavera”, organizzato in collaborazione con Russell Hobbs, Opificio San Nilo e Iswari. La prima ricetta più votata tramite Facebook avrà in omaggio il Nutriboost della Russell Hobbs, la seconda ricetta più votata avrà in omaggio un kit di cosmetici firmati Opificio San Nilo e la terza ricetta più votata riceverà in omaggio due confezioni di Risveglio di Buddha, firmate ISWARIQUI trovate il regolamento completo.

Ecco la ricetta di Roberta Schiavon:

Ingredienti per 5 burger:

  • 1 cavolo romanesco piccolo
  • 60 g di orzo
  • 1 porro
  • 2 cucchiai di farina fioretto
  • 4 cucchiai di pangrattato integrale
  • 2 cucchiai di semi di chia
  • olio evo
  • sale

Lessare l’orzo in acqua bollente salata secondo i tempi indicati nella confezione. Scolarlo e tenerlo da parte.

Fate rosolare in padella, con 1 cucchiai­o di olio evo, il porro lavato e tagliat­o a rondelle sottili.

Lessare il cavolo romanesco (pulito e ta­gliato a pezzettoni) in acqua bollente. ­ A cottura ultimata scolatelo e fatelo r­affreddare. Mettelelo nel tritatutto ins­ieme al porro, un cucchiaino di sale, un­ cucchiaio di olio evo.

Trasferite il composto in una ciotola e aggiungere la farina fioretto e il pangrattato. Con un coppapasta preparate i vegburger, cospargeteli di semi di chia e lasciateli riposare mezz’ora in frigorifero.

In una padella mettere due cucchiai di olio evo a scaldare. Aggiungere i burger e farli rosolare per bene da entrambe le parti. Servire subito con verdure di contorno a piacere.

About Le vostre ricette

Le vostre ricette
Le vostre ricette è la rubrica che raccoglie tutte le ricette che la redazione di LaboratorioVeg riceve dai propri followers, per dimostrare quanto il veg ed il naturale stia raggiungendo sempre più tavole.

Check Also

Polpette broccolose

Evviva! Una nuova ricetta finalmente! Scusate se ci ho messo tanto ma è stato un …